BabbiBabbi

Uomini che affrontano la paternità…

Archive for the ‘sonno’ tag

Lullaby

without comments

mai cantato ninna nanne? io fino a due anni fa no, e non ne conoscevo neppure, era un problema che non mi aveva mai sfiorato, avevo solo qualche vago ricordo di qualcosa che cantava la mi’ mamma.

per fortuna mia suocera – e quindi mia moglie – sono ben fornite di canzoncine varie ed io ho imparato velocemente, sfruttando a pieno quel solo neurone che gira freneticamente nella mia testa.

ecco il testo della prima:

Go to sleep my baby,
close your big blue eyes,
the angels are above you,
watching you my darling from the sky

cercando in rete ho scoperto che questa canzoncina ha varie versioni ed è leggermente più lunga, ma per quanto mi riguarda questa versione “short” basta e avanza.

la seconda invece dice così:

my bunny lies over the ocean
my bunny lies over the sea
my bunny lies over the ocean

oh bring back my bunny to me

bring back, oh bring back, bring back my bunny to me, to me
bring back, oh bring back, bring back, my bunny to me

ho poi scoperto che, nonostante la melodia sia molto dolce e adatta allo scopo, questa canzone non ha nulla a che vedere con una ninna nanna, bensì  parla di un principe scozzese; infatti il testo originale non dice bunny (coniglietto, come ho scritto io) ma bonnie, facendo riferimento a Bonnie Prince Charlie, come spiegato qui

Share

Written by principebabbo

giugno 16th, 2009 at 5:33 pm

Posted in nanna,sonno

Tagged with , , ,

la rivoluzione non russa

without comments

ma i puntozero eccome se russano.

Russano in auto, russano nel passeggino, russano nel lettino, russano al mare, russano sempre e comunque.

Ma come fanno a non svegliarsi a vicenda?

Share

Written by Babbo Leo

giugno 9th, 2009 at 11:18 pm

Posted in Pargoli,sonno

Tagged with , ,

non svegliare il can che dorme

with one comment

Ecco, stava filando tutto liscio, il piano era perfetto, un orologio svizzero oliato a dovere e che non sgarra di un secondo.

cane e gatto

C’era stata anche la piacevole sorpresa dell’anticipo di 2.0 che mezzora prima del previsto si era buttato sul biberon da 210 divorandolo e accasciandosi subito dopo. Grande. Una volta che si è preso il biber della sera la narcolessia lo coglie e non se ne riparla di svegliarsi fino a mattina. Anche se ultimamente “chiede” un rinforzino di latte attorno alle 4. Ma vabbè.

A quel punto ci potevamo concentrare sule due cose rimaste, stendere anche 1.0 e il crossover tra “Grey’s Anatomy” e “Private Practice” su SKY. Siamo rimasti delusi da entrambi. Il crossover non c’è stato, non ieri almeno, si sono solo verificati tutti i prodromi e credo la due puntatone le vedremo la settimana prossima.

Veniamo a 1.0, al momento di mettersi il pigiana scappa in camera (unica per entrambi i figlioli) e cosa fa quel bischero? comincia a stuzzicare 2.0 che se la dormiva beata. Gli urla pure nelle orecchie e chiaramente lo sveglia.
Non l’ho presa proprio bene bene. Mi è passata davanti in un lampo un notte bianca certa come il 7e30 annuale.
Ce n’è voluto del bello e del buono alla mamma per calmare tutti i maschi di casa,

o 2.0 svegliato di soprassalto e inconsolabile,
1.0 principale (e vorreivedereilcontrario) colpevole e inconsolabile,
o il babbo che si vedeva protagonista indiscusso della notte (“tanto te ti riaddormenti subito“) e inconsolabile.

Dopo un’ora e mezza di berci, favole, canzoncine, altri biberon, ninne e nanne abbiamo riportato la situazione su binari accettabili, poteva andare peggio.

o

o

Share

Written by Babbo Leo

maggio 5th, 2009 at 11:32 am

Posted in famiglia,nanna

Tagged with , , ,

si può fare…

without comments

Ieri ho addormentato nano 1.0 senza ciuccio.

Applausi.

Grazie.

Share

Written by Babbo Leo

ottobre 6th, 2008 at 5:11 pm

Posted in nanna,sonno

Tagged with , , ,

pende un uomo..

with one comment

non lo avrei mai detto, ma con questa canzone stanotte ho steso nano 2.0.

Non so da quali collegamenti neuronali è spuntata fuori, è apparsa e piano piano lo ha steso. Forse si è spaventato.

pirati

pirati

Pende un uomo dal pennone,
tutto nero di catrame
non è certo un buon boccone,
per i corvi che hanno fame.

Rit. Pa zum! Pa pa zum!
pa pa pa pa pa zach!

Cinque teschi tutti neri
stan sul cassero di prua
son dei cinque bucanieri
che son morti alla tortura.

Venti ombre tutte nere
vengon su dal boccaporto
sono venti schiavi neri
che son morti nel trasporto.

Sulla tolda biancheggianti
stan tre scheletri a ballare
sono i resti dei briganti
giustiziati in alto mare.

Se una notte tutta scura
sentirete un gran lamento
è la voce di Tortuga
morto in ammutinamento.

Coricandovi stanotte
sentirete un sordo tonfo
è il fantasma del vascello
che reclama il suo trionfo.
(canto tradizionale scout)

se trovo una versione ascoltabile la incollo, eviterei di registrarmi mentre canto…

Share

Written by Babbo Leo

settembre 25th, 2008 at 4:01 pm

Posted in nanna,sonno

Tagged with , , ,

che ve lo dico a fare…

without comments

sulla sveglia radio controllata da una qualche potente apparato radio posto se chissà quale monte e collegato su chissà quale laboratorio sotterraneo lampeggia chiara la scritta: 5:12.

pillola rossa o pillola blu

pillola rossa o pillola blu 7 a dormire vacci tu

Sono le 5.12 quando mia moglie mi scuote e mi chiede sei sveglio? Non ho la forza, figuriamoci la voglia di rispondere qualcosa di spiritoso, quindi mugolo mmmm. Mi fa, lo tieni te? ché dalle 2 sono sveglia per dargli il latte e ora ho sonno. Fallo dormire, tu ci riesci. io vado a dormire di là, da Nano 1.0. Chiedo solo il tempo di fare una cosa da solo in bagno. Appena esco siamo soli io e lui, è notte, fa fresco e mi metto un felpa. Spero davvero di riuscire ad addormentarlo, ma lui mi guarda assai perplesso e troppo curioso per cedere a morfeo. Ci vorrebbe la pillola rossa o blu di Morpheus per farlo cedere, chissà se funzionerebbe. Inizio a cullarlo, ma lui mi guarda. Guardo il lettone vuoto e mi dico, e se lo metto giù e magari dorme. Lo sdraio e quello non dorme, però non piange. MI addormento anche io.

La sveglia dice 5:42 quando lui inizia a lamentarsi. Apro gli occhi. OK. lo metto nel marsupio e inizio a gironzolare per casa. Le Crocs false cigolano. Spero non sveglino nessuno.

le mie però non hanno il pelo (l'ho tolto)

le mie però non hanno il pelo (l'ho tolto)

Accendo il Mac. Aggiorno l’iPhone alla 2.1, scarico il firmware, scarico questo, scarico quello, lo sblocco e funziona ma come telefono non va 8studierò meglio). Nel frattempo Lui si è addormentato nel marsupio. Lo metto giù? Purtroppo i ganci sono ben 6 (sei) per sdraiarlo senza estrarlo. Troppi. Dopo il primo apre gli occhi e mi guarda. Mi fissa. Mi pare abbia lo sguardo minaccioso di Beppe Grillo. Mi spavento e lo riprendo su. Ricomincio il giro.

Nel frattempo sono le 6e30 (piu o meno perchè non avevo piu sotto gli occhi la connessione con il mondo svizzero di precisione). Si sveglia anche nano 2.0 e si infila con la mamma. Iniziano a litigare perchè uno si spinge addosso all’altra e poi uggiola  come se fosse il contrario. Lei si innervosisce, lui piange, lei si alza, lui pange ancora piu forte e la chiama.

POi poi poi poi…Devo continuare?

Ora ho non ho sonno ma ann vorrei addormentarmi alle 8 stasera. Vederemo.

Share

Written by Babbo Leo

settembre 24th, 2008 at 12:49 pm

Posted in nanna,Pargoli,sonno

Tagged with , , ,

La sera fuori casa

without comments

La situazione era nuova. La difficoltà principale era che si giocava fuori casa ma non potevamo tirarci indietro, allora siamo scesi in campo per la consueta partita della sera sperando che cedessero loro col passare dei minuti. Abbiamo fatto un abile gioco di centrocampo e quasi per caso abbiamo infilato il primo e lì mi sono sentito un grande. YEAH. Ce la possiamo fare. Dopo un pò abbiamo infilato il secondo, una modalità simile di gioco che ha avuto quasi dell’incredibile nell’effetto.

A questo punto dovevamo far si che non si svegliassero, temevamo la loro reazione. Quando eravamo sereni e convinti di potercela fare si è svegliato il primo e devo dire che ci ha colto di sorpresa. Con tutto quello che avevamo fatto per evitarlo non ce lo meritavamo. Uffa. Ora dovevamo stare molto più attenti. Se capitava ancora avremmo reso vano ogni sforzo. Ce l’avevamo quasi fatta quando è arrivato anche il secondo e questo ci ha davvero basito. Completa delusione. Non era giusto. Non va bene, quasi quasi c’eravamo illusi.

Accidenti, va bene fare buon visto a cattivo gioco ma la Fiorentina il pareggio per 2 a 2 a Lione proprio non se lo meritava.

Share

Written by Babbo Leo

settembre 22nd, 2008 at 6:03 pm

Posted in nanna,Pargoli,sonno

Tagged with , , , , ,