BabbiBabbi

Uomini che affrontano la paternità…

Archive for the ‘parole’ tag

Buon gusto

with 3 comments

Io e il mio compagno siamo genitori di due gemelli. Due anni appena compiuti,  maschio e femmina. La cosa più affascinante di una giornata con loro è stare ad osservare le mille sfumature di diversità del loro carattere: immagino di non dire nulla di nuovo a chi ha più di un figlio, ma per due gemelli son paragoni che risaltano ancora di più, credo.

E allora cominci a pensare che, davvero, le differenze tra uomo e donna sian impresse nel dna dalla notte dei tempi: Pietro affascinato da tutto ciò che è meccanico, attaccabrighe, niente sfumature. Silvia riflessiva, osservatrice e già capace di mettersi in posa se adocchia una macchina fotografica. Capace, soprattutto, di accattivarsi le simpatie come una consumata vedette: chiama il suo “Nando” (l’inquietante nome col quale mi apostrofa) con le luci negli occhi, genere cartone animato giapponese.

Ma recentemente è arrivata a livelli di sottigliezza davvero mirabolanti: mi han riferito che una settimana fa, davanti al gigantesco manifesto di un bellissimo modello di Armani che campeggia in via dell’Orso, a Brera, si è alzata sulle punte, ha allungato il dito e ha gridato: “NANDO!”.

Poi dice: come fanno a farsi voler bene così, ‘sti figli.

Share

Written by Babbo Mark

settembre 14th, 2009 at 12:38 pm

Posted in apprendimento

Tagged with , ,

non mi fare ….

with 3 comments

imparano da noi,
L’altro giorno  dopo un mio tentativo di approccio giocoso fallito, unopuntozero mi ha detto “non mi fare incazzare”.

imparare la lezione

imparare la lezione

Niente di nuovo, ma dobbiamo stare attenti ad ogni parola che usiamo. Ogni termine, tutto quello che diremo potrà essere usato contro di noi, anche se nessuno  ci ha mai letto i nostri diritti. E state certi che sarà usato. Tra l’altro non abbiamo il diritto di rimanere in silenzio. Dobbiamo parlare e agire. Con cautela e circospezione. Ma tacere non è permesso.

Io non mi sono incazzato, perché fondamentalmente mi sarei dovuto incazzare con me stesso, e meno male non si è incazzato neanche lui.

Share

Written by Babbo Leo

agosto 22nd, 2009 at 5:41 pm

Posted in apprendimento,dialogo

Tagged with ,

uuu

without comments

U U U

U U U

Nun su usattamentu quandu ù inmiziatu tuttu, perù oru ù cosù. Du circu un paiu di mesu duupuntuzeru parlu spessu cosù.

Tuttu lu parolu finisconu in U. Paru che sia iniziatu tuttu all’asilu con un giocu ma difficilu da diru. Di fattu io sono diventatu Babbu, mia moglie è divantata mammu, il fratellu è Lucu. Oru nun su se questi gicou duranu o non duranu o quantu duranu.Tuttu le parolu vengonu trasformatu, mi paru una bella palestru per per la mente e i giocu mi piaccionu tantissimu, io di solito rispondu a tonu e parlu ancu io cosù.

Per oru ù divertentu, io speriamu che me la cavu.

E che non duru.

Share

Written by Babbo Leo

maggio 16th, 2009 at 8:58 am

Posted in gioco

Tagged with , , ,