BabbiBabbi

Uomini che affrontano la paternità…

Archive for the ‘nanna’ tag

Babbo Nerd

with 3 comments

Via PaulTheWineGuy, la culla che ogni babbo nerd ha sempre sognato. Ovviamente tutto open source…

Share

Written by beffatotale

settembre 7th, 2009 at 12:15 pm

Posted in nanna,video

Tagged with , ,

settebello con briscola a mattoni

with one comment

è inutile non ci capiremo mai, come a giocare con le carte del tresette a regole della briscola e punti da contare come a scopa.

I fatti. Dopo la solita notte in cui duepuntozero si è svegliato un pò di volte e per le quali sono stato mandato in missione (vedi), finalmente al mattino si fa colazione, tutti assieme.

Magari, dico io, dovremmo rivedere la soglia di allarme, sono andato di là due tre volte e duepuntozero dormiva beatamente, aspettiamo che pianga davvero.
Due tre volte? fa lei. Ma se ti sei alzato due volte in tutto…

Read the rest of this entry »

Share

Written by Babbo Leo

giugno 10th, 2009 at 10:21 am

Posted in famiglia,nanna

Tagged with , ,

la rivoluzione non russa

without comments

ma i puntozero eccome se russano.

Russano in auto, russano nel passeggino, russano nel lettino, russano al mare, russano sempre e comunque.

Ma come fanno a non svegliarsi a vicenda?

Share

Written by Babbo Leo

giugno 9th, 2009 at 11:18 pm

Posted in Pargoli,sonno

Tagged with , ,

non svegliare il can che dorme

with one comment

Ecco, stava filando tutto liscio, il piano era perfetto, un orologio svizzero oliato a dovere e che non sgarra di un secondo.

cane e gatto

C’era stata anche la piacevole sorpresa dell’anticipo di 2.0 che mezzora prima del previsto si era buttato sul biberon da 210 divorandolo e accasciandosi subito dopo. Grande. Una volta che si è preso il biber della sera la narcolessia lo coglie e non se ne riparla di svegliarsi fino a mattina. Anche se ultimamente “chiede” un rinforzino di latte attorno alle 4. Ma vabbè.

A quel punto ci potevamo concentrare sule due cose rimaste, stendere anche 1.0 e il crossover tra “Grey’s Anatomy” e “Private Practice” su SKY. Siamo rimasti delusi da entrambi. Il crossover non c’è stato, non ieri almeno, si sono solo verificati tutti i prodromi e credo la due puntatone le vedremo la settimana prossima.

Veniamo a 1.0, al momento di mettersi il pigiana scappa in camera (unica per entrambi i figlioli) e cosa fa quel bischero? comincia a stuzzicare 2.0 che se la dormiva beata. Gli urla pure nelle orecchie e chiaramente lo sveglia.
Non l’ho presa proprio bene bene. Mi è passata davanti in un lampo un notte bianca certa come il 7e30 annuale.
Ce n’è voluto del bello e del buono alla mamma per calmare tutti i maschi di casa,

o 2.0 svegliato di soprassalto e inconsolabile,
1.0 principale (e vorreivedereilcontrario) colpevole e inconsolabile,
o il babbo che si vedeva protagonista indiscusso della notte (“tanto te ti riaddormenti subito“) e inconsolabile.

Dopo un’ora e mezza di berci, favole, canzoncine, altri biberon, ninne e nanne abbiamo riportato la situazione su binari accettabili, poteva andare peggio.

o

o

Share

Written by Babbo Leo

maggio 5th, 2009 at 11:32 am

Posted in famiglia,nanna

Tagged with , , ,

si può fare…

without comments

Ieri ho addormentato nano 1.0 senza ciuccio.

Applausi.

Grazie.

Share

Written by Babbo Leo

ottobre 6th, 2008 at 5:11 pm

Posted in nanna,sonno

Tagged with , , ,

"Fate la nanna"

with 3 comments

Fate la nanna

Fate la nanna

OK. Tutti i genitori hanno perso qualche ora di sonno per i propri pargoli. Se il numero di ore di sonno perse (O) è maggiore della soglia individuale di sopportazione (S), succede qualcosa. Cosa? Ognuno ha le sue reazioni, personalissime e irregolari. Si va dallo stato catatonico del giorno dopo, all’alone viola che uno si crea introno dal nervoso, ma anche niente.
Ma la domanda è: COME SI INSEGNA A DORMIRE?
Il più famoso trattato in merito è “Fate la nanna” di E. Estivil un libretto di poche pagine che suggerisce un sistema semplice per insegnare a dormire. Vorrei sottolineare la differenza tra “insegnare a dormire” e “far dormire” o “addormentare”. Nel primo caso si cerca di far apprendere al pargolo che è bello dromire, che serve, che ci si riposa, che si può sognare… Nel secondo si cerca di addormentare il pargolo e basta.
Cosa dice il libro “fate la nanna”? In sintesi si insegna a dormire lasciando piangere i bambini visitandoli ad intervalli di tempo crescenti (dopo 1 minuto, poi 2, poi 4, poi 5…), e ogni volta spiegandogli che ci si deve riposare, che i genitori stanno rimettendo a posto…
Ecco, ho scoperto che su internet c’è un dibattito molto acceso su questo libro, sostenitori delal teoria “fate la nanna” vs contestatori assoluti. Su google i risultati della ricerca oggi sono 7250. Ma ci sono molti forum in cui se ne parla e c’è da divertirsi a leggerli.
Da parte mia sono d’accordo con il libro, ho dovuto quasi litigare con la mamma per adottare questo sistema e, ovviamente, finchè lo dicevo io NON andava bene, una volta letto sul libro, tutto ok. Ma il cuore di mamma è sempre più sensibile e incline alla violazione del sistema…
Però nel mio (miei) caso ha funzionato!

Share

Written by Jago

ottobre 2nd, 2008 at 12:53 pm

Posted in nanna,sonno

Tagged with

La sera fuori casa

without comments

La situazione era nuova. La difficoltà principale era che si giocava fuori casa ma non potevamo tirarci indietro, allora siamo scesi in campo per la consueta partita della sera sperando che cedessero loro col passare dei minuti. Abbiamo fatto un abile gioco di centrocampo e quasi per caso abbiamo infilato il primo e lì mi sono sentito un grande. YEAH. Ce la possiamo fare. Dopo un pò abbiamo infilato il secondo, una modalità simile di gioco che ha avuto quasi dell’incredibile nell’effetto.

A questo punto dovevamo far si che non si svegliassero, temevamo la loro reazione. Quando eravamo sereni e convinti di potercela fare si è svegliato il primo e devo dire che ci ha colto di sorpresa. Con tutto quello che avevamo fatto per evitarlo non ce lo meritavamo. Uffa. Ora dovevamo stare molto più attenti. Se capitava ancora avremmo reso vano ogni sforzo. Ce l’avevamo quasi fatta quando è arrivato anche il secondo e questo ci ha davvero basito. Completa delusione. Non era giusto. Non va bene, quasi quasi c’eravamo illusi.

Accidenti, va bene fare buon visto a cattivo gioco ma la Fiorentina il pareggio per 2 a 2 a Lione proprio non se lo meritava.

Share

Written by Babbo Leo

settembre 22nd, 2008 at 6:03 pm

Posted in nanna,Pargoli,sonno

Tagged with , , , , ,