BabbiBabbi

Uomini che affrontano la paternità…

Archive for the ‘fotografia’ tag

Helmuti Newtoni, crescono

without comments

Bravo Babbo Leo, l’idea m’è piaciuta. Ecco qui una selezione degli scatti del mio Duepuntozero. Un feticista del piede. Un’amico un giorno presentò una mostra fotografica dal titolo “Sotto l’orizzonte”, Duepuntozero dev’esser un apologeta.

Interno casa

Interno casa

Puntando in alto

Puntando in alto

Fratelli di scarpa

Fratelli di scarpa

Father's Hand

Father's Hand

Me and My Feet Going Around

Me and My Feet Going Around

Share

Written by rebeccagin

dicembre 17th, 2009 at 11:34 am

Posted in gioco

Tagged with , ,

helmut newton

with 2 comments

Sabato scorso mi è venuto in mente di dare la macchina fotografica digitale in mano a unopuntozero. Ha accettato con entusiasmo. Si è diveritito molto. Ha faticato un pò a non coprire il flash con le dita. Questa la top 5.

tre P1170476 P1170497

P1170473 cinque

E comunque resta l’unico (o quasi) modo di avere delle foto visto che non me le fa nessun altro.

Share

Written by Babbo Leo

dicembre 16th, 2009 at 11:43 pm

Posted in gioco

Tagged with ,

Le sue foto

with one comment

Bandiera

Bandiera

Il piccolo Francesco è sempre molto entusiasta come vede la macchina fotografica; la prende e la ritrovi stracolma d’immagini.

Questa m’è piaciuta in modo particolare.

“Ho fatto la foto alla bandiera!” Ha detto fiero. Con bandiera intendeva quella del servizio di salvataggio.

Beh la bandiera non c’è… Mira sbagliata direi.

Però un senso della simmetria coi fiocchi.

Share

Written by rebeccagin

luglio 28th, 2009 at 4:24 pm

Posted in Varie

Tagged with ,

Fotografie 2 (organizzazione)

without comments

foto1Pargoli e fotografie: un binomio esplosivo! Come già accennato da BabboLeo in questo articolo, intorno alle fotografie, dei pargoli ma non solo, ruota una serie di elementi, scelte, strumenti, da far perdere la testa.

Ovviamente parliamo di fotografie digitali. E altrettanto ovviamente credo sia impossibile conoscere o solo testare tutti i programmi che possono aiutarci con le immagini digitali. In questo senso, lo scopo di questo primo articolo (di una serie X) è condividere le proprie esperienze e raccogliere commenti e suggerimenti utili.

Provando a catalogare le questioni relative alla fotografia possiamo individuare queste fasi:

  1. Scelta della macchina fotografica
  2. Organizzazione
  3. Visualizzazione
  4. Stampa e/o condivisione
  5. Backup
  6. Ritocco ed editing

Ognuna di queste fasi a parere mio merita un approfondimento e sul web, ovviamente, si trova materiale (forum, recensioni, articoli e discussioni) per ogni fase. Adesso salto alla fase 2, organizzazione. (La fase uno mi riprometto di affrontarla tra un pò).

2. ORGANIZZAZIONE
Come gestire, organizzare, catalogare, conservare, ricercare le N-mila foto (dei pargoli e non solo)?

Esistono numerosi programmi chiamati image organizer e recensirli tutti è praticamente impossibile. Su wikipedia c’è un confronto tra i principali. Personalmente uso Iphoto e Picasa. Una selezione di foto è su sul Mini Mac in salotto quindi visibili con Iphoto (utilissimo per quando ci sono amici, nonni e anche per i pargoli stessi è divertente rivedersi sul tv). Su un altro pc con linux ho installato Picasa insieme ad un Raid software (Raid = due hard disk che contengono gli stessi dati automaticamente). Picasa per vederle, selezionarle, spedirle, pubblicarle online. Il Raid come strategia di backup.

Tra gli image organizer sono attratto anche da PictomioXsee ma ancora non li ho provati. Per i Mac segnalo questa lista (contiene anche editor e viewer). Tra gli image organizer online, oltre a Picasa vale la pena ricordare: Fotoflexer, ResourceSpace (da usare lato amministratore), Flickr, Fotki, Photobucket, Zoomr.

Share

Written by Jago

maggio 15th, 2009 at 2:30 pm

Posted in Varie

Tagged with ,

Quanto spazio disco per le foto?

without comments

spazioprimadeltool-2

[polldaddy poll=1565471]

Share

Written by Babbo Leo

aprile 24th, 2009 at 2:50 pm

Posted in Senza categoria

Tagged with , ,

D.G. Tale

with 3 comments

valigia fotografica

valigia fotografica

Mio padre era appassionato di fotografia, aveva la sua valigetta nera, con gli angoli rinforzati in metallo, le bordature in metallo e dentro in apposita gommapiuma esattamente ritagliata trovavano posto obiettivi, zoom, grandangolo, il flash, cavetti vari, spazio per i rullini. Ecco, appunto, i rullini, che poi venivano estratti dal cilindro, sviluppati (a un certo punto il mi babbo si attrezzò per farlo in bagno), si stampavano i provini (foto stampate piccole su una specie di rullo di pellicola da guardare con una sorta di lente di ingrandimento), si sceglievano le migliori e quelle poche venivano stampate. Questo faceva lui. In casa restavano i negativi o le scatole di diapositive (che non hanno i negativi, sono loro stessi i negativi).

Col tempo e con il ridursi dei costi di stampa la procedura è un pò cambiata ma non tanto, si facevano le foto, si prendeva il rullino, si portava dal fotografo (inteso in senso lato in quanto si limitava a stampare), si stampava tutto il rullino e si mantenevano i negativi.

Insomma i negativi sono oggetti delicati ma fisici, si possono conservare agevolmente, durano a lungo, non hanno bisogno di particolari precauzioni.
Torniamo a oggi, quanti negativi delle foto dei vostri figli avete in casa? Io neanche uno. Ho tutto digitale, tutto. E quando tra 15 anni la tecnologia sarà evoluta se non ho tenuto il passo con i vari formati i miei figli non avranno nulla di quello che ho io oggi, dopo 30anni.

Oltretutto con le macchine digitali e l’alta risoluzione che hanno la singola foto occupa anche diversi mega, questo però non ci spinge a cancellarle. Quando le scarico sul pc riesco a malapena a cancellare quelle mosse, sfuocate o palesemente sbagliate. Conclusione? al momento mi ritrovo con oltre 50giga di foto, nemmeno lo facessi di mestiere. Al momento ho consolidato tutto su un MacMini su cui ho consolidato le foto da 4\5 anni a questa parta e ci ho messo attaccato un hd USB da 320giga per il backup. Non so se è una soluzione destinata a durare. Vorrei aggiungere una terza copia per ulteriore sicurezza ma sarebbe una complicazione non indifferente e una bella menata in termini di tempo.

Vedremo. Faremo il possibile.
La morale è sempre uguale, conserva bene il digitale

Share

Written by Babbo Leo

aprile 24th, 2009 at 11:27 am

Posted in famiglia

Tagged with