BabbiBabbi

Uomini che affrontano la paternità…

Archive for the ‘ciuccio’ tag

pensavo fosse un dramma invece era un ciuccio

with 2 comments

Aveva iniziato il pediatra dicendo che per i bambini è un istinto molto forte succhiare e che tutto sommato il ciuccio poteva essere accettato e utilizzato. Poi ci aveva spaventato vedere in giro il classico bambino con il dito in bocca, fisso. La seconda preoccupazione aveva la stessa fonte della prima, il pediatra ci aveva avvisato, durante una visita di routine a Unopuntozero, che la forma della bocca stava modificandosi eccessivamente a causa del ciuccio e che era necessario toglierlo. Siamo riusciti abbastanza bene a togliere il ciuccio di giorno, limitandone quindi l’uso alla sola fase di addormentamento, la sera.

ciuccio luc

lo leviamo?

L’attaccamento ai ciucci era maniacale. La sera per addormentarsi ne voleva almeno tre, uno in bocca e uno per mano. Guai a non averli tutti. Strilli e pianti. Con difficoltà siamo riusciti a procedere a un rinnovamento dei ciucci che si erano nel frattempo deperiti e sciupati, la gomma si era tutta cotta.Qui si è sviluppato un dramma nel dramma, in quanto oramai si era abituato ai ciucci della COOP. Peccato che la COOP avesse cambiato la propria offerta di ciucci e quelli come li aveva lui non si trovano più. Con calma siamo riusciti però a fargli andar bene i nuovi ciucci. Ma non avevamo il coraggio per affrontare l’abbandono anche notturno.

Tutto questo accadeva verso gennaio dello scorso anno ed era vero fino a poche settimane fa. Adesso è storia.

Bisogna anche dire che il diavolo non è mai così brutto come lo si dipinge e che spesso la storia si fa per caso. Capita così che una sera, approfittando del fatto che la notte prima Unopuntozero aveva dormito dai nonni e dicendo quindi che i ciucci erano stati perduti nel passaggio da una casa all’altra, la mamma avvia la procedura di abbandono dei ciucci. Procedura non concordata e assolutamente non pianificata. Così inizia l’avventura, con un gioco di sguardi in cui ci confermiamo a vicenda nella fermezza del proposito.

La reazione è a dir poco terribile. Urla, pianti, berci, strilli. Terribile. Sembrava un drogato in astinenza. Ci ringhiava addosso. Il suo dolore di quei momenti ci confermava che non sarebbe stato comunque giusto interrompere e restituirgli i ciucci. Lo avremmo solo costretto a soffrire di nuovo lo stesso dolore. Ha sudato davvero sette camice. Era fradicio ed esausto. Dopo circa un’ora di sofferenza si è placato e, completamente stravolto, si è addormentato. Pensavamo che fosse solo l’inizio. Sapevamo che non era finita lì.

Ci sbagliavamo.

La sera dopo non ha detto pio. Si è infilato a letto, storia della buonanotte e buonanotte davvero. Incredibile.

Nelle settimane successive abbiamo notato una leggera facilità di irritazione, ma forse era causata da una nostra scarsa presenza a csa per motivi di lavoro. Non saprei dire con certezza, di sicuro il ciuccio (come il fumo) assorbe parte dello stress.

Concludendo, è facile far smettere di usare il ciuccio se sai come farlo, ma anche se non sai come farlo.

Voi come avete fatto?

Share

Written by Babbo Leo

dicembre 12th, 2009 at 7:21 am

Posted in apprendimento

Tagged with , ,

missione impossibile

without comments

eccomi, la telecamera fa una ripresa dall’alto e zumma su di me, mentre sto attaccato alla parete di roccia. Si intuisce lo strapiombo sotto di me. salgo ancora. Mi trovo di fronte a un passaggio difficile ma con un balzo dei miei potenti muscoli riesco a superarlo. L’adrenalina è a mille visto che non ho nessuna misura di sicurezza. Il free climbing sulle montagne rocciose del Grand Canyon è davvero emozionante. Quello che ci vuole per rilassarsi.

Appena giunto in cima arriva un elicottero e mi spara un razzo. Il cilindro si conficca nel terreno a pochi passi da me. Ne esce una bionda, un ologramma, con occhiali a specchio che comincia scuotermi (ma non era un ologramma?) e a dirmi “si è svegliato duepuntozero. Devi andare subito a rimettergli il ciuccio o sarà troppo tardi. Se lo fai subito si riaddormenta, ma se non riesci presto esploderà svegliando unopuntozero e l’intero palazzo. Poi sveglierà anche il quartiere e sarà solo colpa tua. Scegli il ciuccio migliore per questa azione e muoviti con rapidità e circospezione. Buona fortuna. Il messaggero si riaddormenterà entro 5 secondi

Va bene il sogno, ma essere svegliati con una missione impossibile da compiere è un incubo.

Mica sono Tom Cruise.

Share

Written by Babbo Leo

maggio 23rd, 2009 at 7:40 am

si può fare…

without comments

Ieri ho addormentato nano 1.0 senza ciuccio.

Applausi.

Grazie.

Share

Written by Babbo Leo

ottobre 6th, 2008 at 5:11 pm

Posted in nanna,sonno

Tagged with , , ,